Birra kimiya – Birra artigianale siciliana

Kimiya-Birra artigianale
Birra Kimiya-Birra artigianale.

Vi racconto la storia di Kimiya – Tutto è cominciato dall’intuito di Francesco Paolo Tranchina, che nell’anno 2014 comincia a produrre in casa propria con l’utilizzo di un piccolo impianto domestico dell’ottima birra artigianale siciliana.

Riesce cosi, nel giro di pochi mesi a produrre due tipologie di birre di ottima qualità degustativa.

La Storia dell’azienda

La storia dell’azienda ha inizio nell’anno 2016 quando si decide di produrre presso un birrificio terzo con l’affiancamento di un mastro birraio professionista, insieme al quale si affinarono le ricette fino a farle diventare un prodotto d’eccellenza siciliana.

Nello stesso anno nasce il brand Kimiya e la società intestataria del marchio Harmonium Srl.

Il termine Kimiya, proviene dalle origini Arabe “Al-Khimiya”, nasce come antico sistema filosofico esoterico che aveva il fine di conquistare l’onniscenza, raggiungendo il massimo della conoscenza in tutti i campi del sapere, il concetto si espresse attraverso il linguaggio di svariate discipline come la metallurgia, filosofia, farmaceutica etc.

A partire dal 2017 nasce la fondazione della società del birrificio artigianale Kimiya, che comincia a riscuotere successo nel territorio siciliano, mettendo sul campo quattro tipologie di birra dal gusto ricercato.

La Svolta

Ma è nell’anno 2018 che avviene la svolta, da piccola azienda societaria, con l’avvento di un azionista Alessandro Dioguardi, imprenditore proveniente da svariati anni di militanza trasversale nel settore del food e beverage, diventa una realtà organizzativa tale da poter esportare questa eccellenza artigianale siciliana sia in campo nazionale che estero.

Le Birre artigianali

Birra Kimiya-Birra artigianale.

Le birre artigianali Kimiya sono come un viaggio profondo dentro la Sicilia più recondita ed appassionante, attraverso sapori e terre lontane ed alle volte aromi misteriosi: frutto di un sapiente lavoro delle mani dei mastri birrai siciliani.

Golden Ale: birra dallo stile inglese di colore giallo dorato, dal corpo esile su un finale ma abbastanza intenso in termini di sapori e aroma, incursione di luppoli sia in armonia che in Dry Hopping, con base agrumata ed esotica.

Red Ipa: birra dal colore ambrato ispirato alle Special American Ipa. Al naso prevalgono note agrumate e di frutta esotica.
In bocca si percepisce un aroma floreale con spiccati sentori di frutta matura.

Saison: reinterpretazione siciliana della Saison Belga, questa birra speziata dal colore arancio è aromatizzata con scorze di mandarino del “Consorzio tardivo di Ciaculli”.
Per questo viene prodotta solo tra i primi di marzo e l’inizio della fioritura del frutto.

Tropical Stout: birra scura con un cremoso tappo beige. La presenza del cocco tostato arriva al naso insieme ai profumi dei luppoli tropicali del Pacifico, accompagnati da piacevoli note di cioccolato, caffè e orzo tostato.

Articolo redatto da Antonio Ferara Sicilyride

Share :

Twitter
Telegram
WhatsApp

Join The Ride

Subscribe to our fortnightly newsletter with stories from our latest adventures and the best travel tips

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More Adventures

Polpette di gambero rosso di Mazzara

Oggi vi propongo una ricetta da leccarsi i baffi, le Polpette di gambero rosso di Mazzara. Dire che sono una prelibatezza è poco, da gustare

Siracusa- Le sue radici

Oggi vi parlo della città di Siracusa e delle sue radici che risalgono al 734-733 a.c. quando i Corinti guidati dal nobile Archia di origine